Crisi carceraria in Italia: urgenti interventi per prevenire tragedie e migliorare condizioni detentive

Date:

26 giugno 2024 – 17:12

Il sistema carcerario italiano è attualmente alle prese con una grave crisi che ha portato alla morte di oltre cento detenuti dall’inizio dell’anno, di cui ben 45 per suicidio. Questi drammatici eventi mettono in luce la necessità urgente di intervenire per migliorare le condizioni all’interno delle carceri e prevenire tragedie simili in futuro.Il recente caso del giovane detenuto di Genova, deceduto dopo aver inalato il gas di un fornello nella sua cella, solleva interrogativi sulle cause profonde di tali gesti estremi. Si parla di sovraffollamento degli istituti, difficoltà psichiche dei detenuti e la mancanza di adeguate misure preventive. Il ministro Nordio si è impegnato a presentare entro luglio un decreto per affrontare la situazione critica delle carceri italiane.Il provvedimento in questione prevede norme per riconoscere benefici ai detenuti che aderiscono al trattamento e dimostrano buona condotta, senza tuttavia introdurre sconti di pena. L’obiettivo è alleggerire il carico dei tribunali di sorveglianza, oberati da un elevato numero di richieste ogni anno, e garantire ai detenuti i diritti previsti dalla legge.Attualmente, le carceri italiane ospitano oltre 61mila detenuti in una capienza prevista per 51.178 posti, con un sovraffollamento che supera i 13.500 individui. La situazione è particolarmente allarmante considerando il numero crescente dei suicidi, che quest’anno ha già raggiunto quota 45.Al fine di trovare soluzioni concrete e rapide a questa emergenza, si sta valutando la possibilità di istituire un albo delle comunità per associazioni del terzo settore che possano accogliere detenuti con requisiti specifici ma privi di una casa dove scontare la pena in regime domiciliare o affidamento in prova durante l’attività lavorativa.Inoltre, si stanno studiando modalità per velocizzare le pratiche dei tribunali di sorveglianza riguardanti il riconoscimento della buona condotta e ridurre i tempi burocratici attraverso l’introduzione di nuove misure come l’aumento delle telefonate consentite ai detenuti e l’ottimizzazione della procedura d’iter legislativo per gli arresti cautelari.È evidente che occorre agire con urgenza e determinazione per affrontare la crisi del sistema penitenziario italiano e garantire dignità e rispetto dei diritti umani anche agli individui privati della libertà personale.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

Notizie correlate
Related

Generosità italiana: 534.760 contribuenti scelgono il 5 per mille al proprio comune

21 luglio 2024 - 13:34 Nel corso dell'anno 2023, ben...

Tragedia al lago di Giacopiane: morte di Gabriele Zolezzi, muratore amante dello sport

21 luglio 2024 - 13:40 Gabriele Zolezzi, un uomo di...