Nuovi casi di disturbi alimentari emergono anche nella regione della Valle d’Aosta, evidenziando la diffusione di questa problematica.

Date:

Il Centro Usl gestisce attualmente 120 pazienti, di cui 70 sono stati presi in carico quest’anno.

Nella regione della Valle d’Aosta, si osserva un preoccupante aumento dei casi di disturbi alimentari, soprattutto tra i giovani. Il centro specializzato gestito dall’Usl attualmente segue 96 pazienti e nel solo anno 2023 sono stati avviati alla cura ben 54 nuovi utenti. I dati diffusi dalla sanità valdostana in occasione della 13esima Giornata nazionale del fiocchetto lilla evidenziano la crescente attenzione verso i disturbi del comportamento alimentare (Dca). Secondo le dichiarazioni di Lorella Champrétavy, psicoterapeuta e coordinatrice del centro, negli ultimi tre anni si è registrato un incremento degli accessi del 35% rispetto alla media precedente, con un picco nel 2021 in seguito alla pandemia. Si nota anche un costante abbassamento dell’età di insorgenza dei disturbi, soprattutto per quanto riguarda l’anoressia nervosa. Nel corso del 2023, il 40% dei nuovi pazienti che hanno chiesto aiuto al servizio era minorenne e dell’11% aveva meno di 14 anni.Queste patologie sono complesse ma trattabili, afferma la Champrétavy. È fondamentale individuare precocemente il problema e avviare tempestivamente percorsi terapeutici specifici. Inoltre, è importante garantire un approccio multidisciplinare che affronti in modo sinergico gli aspetti medici, psicologici, psichiatrici e dietetici della malattia, offrendo diversi livelli di cura in base alle esigenze cliniche del paziente.I disturbi alimentari possono avere gravi conseguenze sulla salute fisica e mentale delle persone coinvolte, influenzando anche la loro vita sociale ed emotiva fino a compromettere le attività scolastiche o lavorative. Esistono forme più sfuggenti da riconoscere come la Bulimia e il Binge eating, caratterizzati da comportamenti problematici nonostante una condizione di normopeso o sovrappeso: tra questi troviamo il vomito autoindotto, l’eccessivo esercizio fisico compulsivo o abbuffate con perdita di controllo.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

Notizie correlate
Related

Ilaria Salis ai domiciliari in Ungheria: solidarietà e rischi per chi l’ha accolta

Il padre di Ilaria Salis, Roberto Salis, ha rivelato...

Complessità e incertezze: la candidatura di Ilaria in Italia Nord-occidentale

Durante l'udienza, il giudice ha esposto la sua preoccupazione...

Comunicato Camera Penale Piemonte: Accuse istituzioni per suicidio detenuta, critiche su condizioni carceri e inerzia magistratura.

Il comunicato della Camera penale del Piemonte occidentale, rilasciato...

Limite di centottanta giorni per locazioni turistiche confermato dalla Corte costituzionale

La sentenza della Corte costituzionale n. 94 depositata oggi...