22.8 C
Italy
domenica, 26 Giugno, 2022
Home Economia Coronavirus: esplode l’e-commerce alimentare

Coronavirus: esplode l’e-commerce alimentare

Secondo uno studio appena pubblicato il lockdown imposto dal Governo, per limitare il Covid-19, premia i supermercati online con numeri da capogiro. In seguito all’isolamento necessario per limitare la propagazione del Coronavirus, gli italiani si sono messi prima in coda davanti ai supermercati fisici e poi si sono lanciati sui supermercati online.

Numeri incredibili con crescite imprevedibili che portano l’e-commerce dei prodotti alimentari e di largo consumo ad un nuovo livello inaspettato fino a febbraio. 

Lo studio, a cura di SpesaRossa.it, piattaforma per la spesa locale online, nata per sostenere i piccoli negozianti di quartiere durante questa crisi epocale, è stato condotto con l’ausilio dei più importanti strumenti di analisi web, per capire i tassi di crescita e i vincitori di questa corsa al commercio elettronico alimentare, confrontando la crescita a cavallo dell’inizio dell’epidemia.

Secondo lo studio le piattaforme di supermercati online crescono in modo differente in funzione del traffico dei mesi precedenti. 

Sul fronte della crescita vince Supermercato24 con un +1.230%, mentre dal punto di vista del numero di visite Esselunga vince con Esselunga.it e Esselungaacasa.it rispettivamente con quasi 9 milioni di visite e 7 milioni di visite.

La ricerca ha poi analizzato il traffico di utenti, i tempi di permanenza sui siti, le pagine viste e il bounce rate, ossia la frequenza di rimbalzo che consente di valutare l’aspettativa del visitatore.

Secondo Ivan Laffranchi, digital entrepreneur e fondatore di SpesaRossa.it, “il mercato dell’e-commerce alimentare e dei prodotti di consumo, ha raggiunto in 30 giorni un livello di maturità tale per cui cambieranno radicalmente le abitudini dei consumatori. La grande distribuzione e i negozianti locali stanno per affrontare una rivoluzione senza precedenti e dovranno cambiare le loro strategie se vogliono sopravvivere”.

Vediamo alcuni dati della ricerca nel dettaglio.

Supermercato24, re indiscusso della crescita passa da 320.000 visite di febbraio a 4.3 milioni di marzo, con una crescita dell’oltre millepercento, un tempo medio di permanenza sul sito di 6 minuti e un bounce rate di poco più del 40% (41.4%). Dal punto di vista delle keywords organiche digitate per la ricerca ‘supermercato 24’, ‘spesa online’ e ‘spesa a domicilio’ sono le più usate per raggiungere la piattaforma.

Esselungaacasa.it, con + 621% a marzo rispetto a febbraio raccoglie 7 milioni di visite, una frequenza di rimbalzo molto bassa (21.93%) e una sessione di visita media di 12 minuti e 30 secondi. Esselunga vince anche con il suo sito ‘istituzionale’ esselunga.it che registra quasi 9 milioni di visite a marzo (8.900.000 visite), con un bounce rate decisamente più alto (46.23%) di esselungaacasa.it a dimostrazione che una migliore user experience e profilazione degli utenti permette di abbattere la frequenza di rimbalzo. 

Sul fronte delle sorgenti di traffico il 34% degli utenti arriva da ricerche, mentre il 21% è diretto per quanto riguarda esselungaacasa.it mentre per esselunga.it il 32% del traffico è diretto. Le keywords principali che portano consumatori ai due siti hanno sempre il termine ‘esselunga’ incluso: ‘esselunga’ a corrispondenza esatta, “esselunga spesa online’, ‘esselunga spesa a domicilio’ e ‘esselunga a casa’.

Carrefour.it, segna un + 136%, inferiore alle piattaforme citate perché storicamente ha più traffico mensile e passa da 1.400.000 visite a 3.250.000 visite di marzo, una percentuale di rimbalzo più elevata degli altri (49.64%) e oltre 7 minuti di permanenza media sul sito.

Conad.it, segna un + 218%, cresce nella categoria cibo e bevande e registra quasi 4 milioni di visitatori a marzo (3.900.000) con un bounce rate del 37%. 

Per finire E-coop.it, passa da 480.000 utenti di febbraio al 1.5 milioni di utenti nel mese di marzo, con un tempo medio sul sito di 4 minuti e un bounce rate di oltre 50%, frequenza di rimbalzo più alta tra i siti analizzati.

Sul fronte del commercio di prossimità per aiutare i piccoli commercianti a gestire la crisi, Spesarossa.it registra nelle prime 2 settimane di attività 20.000 visite con centinaia di ordini a destinazione di macellai, gastronomie, ambulanti e vivai che fino a ieri non avevano mai pensato di poter vendere online.

Dal punto di vista della geolocalizzazione degli utenti è molto variabile in funzione delle keywords usate, ma per esempio per la ricerca su ‘spesa online’ possiamo dire che le regioni più attive sono Piemonte, Sardegna e Lombardia.

Redazione City
Le notizie della tua città, al servizio della Comunità!
- Advertisment -

ULTIMI ARTICOLI

Domenica 22 maggio torna la Giornata Nazionale dell’Associazione Dimore Storiche Italiane

Il più grande museo diffuso d’Italia riapre le porte. Domenica22 maggio torna la Giornata Nazionale dell’Associazione Dimore Storiche Italiane (ADSI), giunta...

“Sicurezza stradale in musica”: Gero Riggio vince la quarta edizione del contest musicale promosso da Anas e Radio Italia

Il cantautore Francesco Gabbani, testimonial del contest e special guest della giuria di esperti dell’evento che si è svolto a Milano...

La favola di Gabriele Giudici e Marco Placanica: quando il talento nasce in provincia (e conduce al successo)

Il dj e producer monregalese e il regista ligure protagonisti del director’s cut del video ufficiale della nuova Ducati Panigale V4...

Meet the Docs! Film Fest: la rassegna dedicata al cinema documentario torna a Forlì per la sesta edizione

Dal 18 al 22 maggio 2022 torna all’EXATR di Forlì Meet the Docs! Film Fest, la rassegna dedicata al cinema documentario....