Difficoltà nei pagamenti della Pubblica Amministrazione italiana: debiti commerciali accumulati per 50 miliardi di euro. Comuni del Mezzogiorno tra i più lenti nel saldare i fornitori, con Napoli in testa a 143 giorni di ritardo. Palermo invece paga in anticipo di 65,5 giorni. Analisi delle Aziende ospedaliere mostra miglioramenti, ma persistono criticità nel Mezzogiorno. Ministri nazionali in ritardo nei pagamenti, con il Ministero del Turismo tra i peggiori a 39,72 giorni di ritardo. Il Ministero dell’Agricoltura paga in anticipo entro 17 giorni dalla scadenza prevista.

Date:

Nel corso del 2023, l’Amministrazione pubblica italiana ha affrontato una serie di sfide legate agli acquisti, consumi, forniture, manutenzioni, formazione del personale e spese energetiche che hanno comportato un costo totale di 122 miliardi di euro. Tuttavia, nonostante gli sforzi, si è registrata una persistente difficoltà nel rispettare gli impegni finanziari con i fornitori. Secondo l’Ufficio studi della Cgia di Mestre (Venezia), i debiti commerciali accumulati ammontano a circa 50 miliardi di euro, una cifra che si mantiene invariata da almeno cinque anni e che penalizza soprattutto le piccole imprese.Tra le varie istituzioni pubbliche, i Comuni emergono come tra i più lenti nel saldare i debiti contratti con i fornitori. In particolare, quelli del Mezzogiorno presentano situazioni critiche come il ritardo nei pagamenti registrato a Napoli pari a 143 giorni. Altri esempi sono Andria con 89,5 giorni di ritardo, Chieti con 61,8 giorni e Reggio Calabria con 54,8 giorni. Tuttavia, c’è anche qualche eccezione positiva come Palermo che è riuscita nel corso del 2023 a liquidare i propri partner commerciali in anticipo di ben 65,5 giorni rispetto alla scadenza prevista.Analizzando la situazione delle Aziende ospedaliere sul territorio italiano, si osserva un miglioramento generale della tempistica dei pagamenti. Nel Mezzogiorno però permangono criticità come quelle dell’Asp di Catanzaro con un ritardo medio di pagamento di 64,5 giorni oppure dell’Asl Napoli 3 Sud (27,78 giorni), dell’Asl di Foggia (27 giorni) e dell’ASL Napoli 2 Nord (15,42 giorni).Anche i ministeri nazionali hanno mostrato difficoltà nel rispettare le normative sui tempi di pagamento ai fornitori: nove su quindici ministeri hanno concluso le transazioni in ritardo nell’anno precedente. Tra questi spiccano per negatività il Ministero del Turismo con un ritardo medio di pagamento pari a 39,72 giorni; seguono l’Interno (33,52), Università e Ricerca (32,89) e Salute (13,60). Al contrario il Ministero dell’Agricoltura Sovranità alimentare e Foreste ha dimostrato virtuosismo pagando in anticipo entro 17 giorni dalla scadenza prevista.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

Notizie correlate
Related

George Clooney sostiene Kamala Harris e elogia Joe Biden: un segnale di unità nel partito democratico

George Clooney, icona di Hollywood e sostenitore dei valori...

“Parlamento Europeo: il rifiuto dei Patrioti per l’Europa scatena una battaglia legale”

Il rifiuto del Parlamento europeo di accettare il gruppo...

La serenità di La Russa durante la Cerimonia del Ventaglio conferma la coesione del governo.

Durante l'evento della Cerimonia del Ventaglio, il presidente del...

“Kamala Harris e Beyoncé: un’inedita alleanza tra politica e musica”

Durante la sua prima apparizione presso il quartier generale...