JK Rowling critica il partito Labour per la sua posizione sui transgender, accusandolo di abbandonare le donne. Starmer risponde alle critiche evitando polemiche e sottolineando l’impegno del partito nei diritti delle donne. La scrittrice esprime riserve su Starmer e sulla gestione del Labour sulle questioni legate alle donne.

Date:

La celebre scrittrice JK Rowling ha recentemente espresso critiche nei confronti del partito Labour per la sua posizione sui diritti delle persone transgender, affermando che il partito avrebbe “abbandonato” le donne. In un articolo pubblicato sul Times, Rowling ha dichiarato di avere serie riserve riguardo al leader del partito, Sir Keir Starmer, definendo la sua opinione su di lui “scarsa”. L’autrice ha accusato il Labour di affrontare in modo sprezzante e offensivo le questioni legate alle donne. Sir Keir Starmer ha risposto alle critiche di Rowling evitando polemiche, sottolineando l’importanza della lunga esperienza del Labour nel governo e nell’approvazione di leggi a favore dei diritti delle donne. Ha inoltre ribadito che il partito si impegna a continuare a progredire su queste tematiche, come indicato nel manifesto elettorale.Le dichiarazioni della Rowling sono giunte dopo un’apparente cambiamento di posizione da parte di Starmer sui diritti dei transgender durante un programma speciale della Bbc Question Time. Il leader laburista aveva già fatto scalpore in passato con affermazioni riguardanti la biologia sessuale, sostenendo che “il 99,9% delle donne non ha un pene” e difendendo la deputata Rosie Duffield dall’accusa di escludere le persone transgender dal concetto di donna.Starmer ha infine espresso accordo con l’ex leader Tony Blair sulla definizione biologica del genere, sostenendo che “una donna è caratterizzata da una vagina e un uomo da un pene”. Riguardo ai commenti passati sulla Duffield, il politico ha ammesso che il dibattito era diventato molto controverso e divisivo in quel momento.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

Notizie correlate
Related