“Marché aux Fleurs” Giornate fiorite al Castello di Aymavilles

Date:

Nelle giornate di sabato 17 e domenica 18 giugno 2023 dalle ore 10,00 alle 19,00 il parco del Castello di Aymavilles accoglierà la prima edizione del Marché aux Fleurs: una mostra-mercato florovivaistica organizzata in collaborazione con Asproflor – Associazione produttori floro-vivaisti – che vede coinvolti alcuni tra i più importanti espositori regionali e nazionali del settore.

Una splendida cornice fiorita che ospiterà diverse iniziative collaterali per adulti e bambini: visite guidate alla scoperta del parco e del castello, laboratori di pittura su legno per bambini a tema floreale, e un particolare percorso sensoriale di barefooting con piante aromatiche.

Previsti anche momenti di riflessione e approfondimento: insoliti abbinamenti tra piante, fiori e poeti saranno al centro dell’incontro col prof. Giovanni Barberi Squarotti, docente di letteratura italiana all’Università degli Studi di Torino, mentre gli effetti dei cambiamenti climatici sul giardino di montagna verranno affrontati da Paolo Pozzo, del Vivaio Pozzo di Cavaglià (BI) specializzato in rose e ortensie, con una delle maggiori collezioni di rose inglesi David Austin, ed Enrico Riva, del Vivaio Peccato Vegetale di Usmate Velate (MB), noto per la ricchissima collezione di piante erbacee perenni.

Dalla sua apertura definitiva, avvenuta proprio a maggio dell’anno scorso, il Castello di Aymavilles ha sempre stimolato interesse e curiosità, attraendo migliaia di visitatori a prescindere dalle stagioni”, evidenzia l’Assessore Jean-Pierre Guichardaz. Il Marché aux Fleurs è un evento assolutamente nuovo per la Valle d’Aosta: una rassegna a stretto contatto con i vivaisti e con gli esperti del settore all’insegna della consapevolezza e della sensibilizzazione al verde come bene pubblico che sottolineerà, una volta di più, l’importanza della tutela del paesaggio quale perfetta e armonica simbiosi di architettura e natura”.

Questo castello, con il suo parco settecentesco e, cosa assai poco comune, con l’originale antica serra, rappresenta il contesto ideale per valorizzare il ruolo storico-architettonico della cultura del verde nel corso dei secoli – sottolinea Viviana Maria Vallet, Dirigente della Struttura patrimonio storico-artistico e gestione siti culturali – “Si tratta di un’occasione per proporre il Castello di Aymavilles in una nuova veste che valorizza le sue pertinenze esterne, un tempo utilizzate per scopi agricoli e oggi prestigiose sede di eventi per il pubblico”.

Aymavilles, terra di agricoltori, viticoltori e coltivatori, accoglie con entusiasmo questa due giorni dedicata al florovivaismo, sottolinea la sindaca di Aymavilles, Loredana Petey. Ci auguriamo che l’evento possa essere un “seme” da far germogliare e crescere per future edizioni di questa interessante rassegna e, in generale, per lo sviluppo di altre iniziative intrecciate all’identità del territorio, evidenziando il ruolo di volano di un Castello che è simbolo di un’intera comunità”.

Per info: valledaostaheritage.com

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

Notizie correlate
Related

Emergenza idrica a Capri: residenti isolati, turisti costretti a rimandare la vacanza

Dall'alba di oggi, l'accesso all'incantevole isola di Capri è...

“Omicidio di Giulia Cecchettin: la confessione agghiacciante di Filippo Turetta”

Durante l'interrogatorio con il pm, Filippo Turetta ha confessato...

Tragedia a Qalqilya: cittadino israeliano ucciso in attacco armato, indagini in corso

Un tragico evento ha scosso la tranquilla città di...