Memorial Day 2024: la fiaccola della memoria e della legalità illumina le strade della Valle d’Aosta

Date:

Davanti al maestoso palazzo di giustizia ‘Giovanni Selis’ ha preso avvio il suggestivo percorso della fiaccola della memoria e della legalità, nell’ambito del Memorial Day 2024, un evento solenne dedicato al ricordo di tutte le vittime del terrorismo, della mafia, del dovere e di ogni forma di criminalità. Questa commemorazione si tiene in occasione del 32° anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio.Dopo la cerimonia dell’accensione, un gruppo di ciclisti rappresentanti delle Forze dell’Ordine come l’Arma dei Carabinieri, la Polizia Penitenziaria, la Polizia di Stato, il Corpo Valdostano dei Vigili del Fuoco, la Guardia di Finanza e il Corpo Forestale della Valle d’Aosta ha preso in carico la fiaccola per portarla lungo un sentiero che attraversa le strade regionali. Lungo il tragitto sono stati previsti momenti di riflessione e omaggio presso monumenti e targhe commemorative nei comuni di Aosta, Villeneuve, Pollein, Saint-Christophe, Quart e Saint-Vincent.”È importante coltivare insieme il valore della memoria conoscendo le storie delle persone che hanno sacrificato la propria vita per difendere la legalità. Le vittime erano individui come noi, che quotidianamente si impegnavano nel loro lavoro credendo fermamente nella giustizia”, ha sottolineato il sostituto procuratore Manlio D’Ambrosi davanti a una platea composta da giovani studenti.Chiara Paglino, referente locale dell’associazione Libera per Aosta, ha voluto ricordare Ilaria Alpi, giornalista tragicamente uccisa a Mogadiscio insieme al suo operatore Miran Hrovatin nel lontano marzo del 1994. “A distanza di tre decenni non è ancora stata fatta piena luce sulla sua morte”, ha dichiarato con commozione Paglino. I due inviati del Tg3 vennero assassinati mentre documentavano i traffici illegali di armamenti e rifiuti tossici tra Somalia e Italia durante la guerra civile somala.L’iniziativa è stata promossa dal Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), con il patrocinio della Procura della Repubblica e del Tribunale di Aosta nell’ambito delle azioni previste dal Piano sulla corresponsabilità educativa e sulla legalità della Regione Valle d’Aosta. Massimo Denarier, segretario regionale Sap, ha tenuto a sottolineare che l’accensione della fiaccola risale a ben 25 anni fa: “Da quel piccolo gesto simbolico – ha evidenziato – oggi in tutta Italia si celebrano giornate come quella che stiamo vivendo qui”.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

Notizie correlate
Related

Inaugurazione sede per professionisti dell’informazione in Valle d’Aosta

Il 26 giugno, alle 18:00, avrà luogo l'inaugurazione della...

Aumento delle attività di intervento durante la stagione estiva: successo dell’elisoccorso notturno.

Durante la stagione estiva, caratterizzata da un afflusso maggiore...