Ministro critica Wck per dichiarazioni infondate su incidente stradale. Polemica sulle auto coinvolte e la veridicità dell’accaduto.

Date:

Andrés: ‘Non è stata una situazione fortunata’. Barkat: ‘Errore di valutazione’.

Durante un’intervista alla Reuters, José Andrés, capo dell’Ong World Central Kitchen, ha rilasciato dichiarazioni molto forti riguardo alla strage degli operatori umanitari avvenuta a Gaza. Ha sottolineato che il drone israeliano ha colpito in modo mirato e preciso, veicolando un messaggio chiaro sul fatto che Israele era consapevole dei movimenti della sua associazione e delle attività umanitarie svolte. Ha enfatizzato che non si è trattato di un errore accidentale, bensì di un attacco deliberato contro un convoglio ben identificato con segni distintivi evidenti. Inoltre, ha ribadito che nessun Paese democratico o militare può giustificare il targeting di civili e operatori umanitari.Dall’altra parte, il ministro israeliano Nir Barkat ha espresso le sue scuse per la tragica perdita degli operatori umanitari, ma ha respinto categoricamente l’accusa di aver preso di mira le auto “una per una”. Ha sostenuto che Israele non avrebbe mai intenzionalmente attaccato coloro che portano aiuto e assistenza. Ha ammesso che incidenti del genere possono verificarsi durante situazioni di guerra, definendo quanto accaduto come “fuoco amico”, ma ha assicurato che saranno adottate misure per evitare simili episodi in futuro.Le posizioni contrastanti tra José Andrés e Nir Barkat evidenziano la complessità della situazione e la necessità di approfondire le indagini per fare chiarezza su quanto accaduto. La comunità internazionale guarda con preoccupazione a questi eventi, auspicando una risoluzione pacifica dei conflitti e il rispetto dei diritti umani anche in contesti bellici.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

Notizie correlate
Related