Nel deserto di Nevada, esploro i confini della mia mente in cerca di risposte e libertà interiore.

Date:

L’opera teatrale debutta in scena il 4 aprile con una nuova interpretazione del classico di Shakespeare, diretto dal regista di fama internazionale.

Nel film “Zamora” di Neri Marcorè, che debutterà il 4 aprile con 01 e tratto dall’omonimo libro di Roberto Perrone (Garzanti), si affrontano temi profondi come l’inadeguatezza e l’adolescenza, oltre al complesso rapporto tra uomini e donne. Gli anni Sessanta sono rappresentati in modo realistico attraverso i personaggi interpretati da Alberto Paradossi e Marta Gastini, mostrando le dinamiche sociali dell’epoca. Le donne di quel periodo non prendevano spesso l’iniziativa, lasciando agli uomini il compito di fare il primo passo, ma erano dotate di una maturità che spesso manca ai giorni nostri.Il protagonista del film è Walter Vismara, un trentenne ragioniere che si trova coinvolto in avventure lavorative e sentimentali nella Milano moderna. Il suo percorso professionale lo porta a confrontarsi con un eccentrico imprenditore, il cavalier Tosetto, interpretato da Giovanni Storti. Walter si ritrova a dover affrontare sfide settimanali sul campo da calcio nonostante la sua disinvoltura nel gioco, diventando oggetto di scherzi da parte dei colleghi.La storia prende una svolta quando Walter si innamora della sua segretaria Ada, interpretata da Marta Gastini. Per conquistarla e migliorare se stesso, decide di prendere lezioni da un ex-portiere caduto in disgrazia, interpretato dallo stesso Neri Marcorè. Questo percorso di crescita personale riflette le esperienze adolescenziali del regista Marcorè, evidenziando la necessità di maturare nei rapporti interpersonali.Il calcio funge da sfondo per narrare la storia più profonda legata alla ricerca dell’autenticità e della realizzazione personale. Marcorè sottolinea che il calcio è solo un pretesto per esplorare tematiche più complesse legate alla mascolinità e alle relazioni umane. La nostalgia per gli anni Sessanta emerge come elemento ricorrente nel film, evidenziando sia gli aspetti positivi dell’innocenza dell’epoca sia le sfide personali affrontate dai protagonisti.La regia segna per Marcorè un nuovo capitolo creativo che potrebbe ripetersi in futuro. L’influenza di registi come Pupi Avati è evidente nel suo lavoro, ma anche la sua voce personale emerge chiaramente nella narrazione cinematografica. La complessità dei personaggi e delle relazioni umane rendono “Zamora” non solo un viaggio nel passato ma anche una riflessione sulla crescita individuale e sulle dinamiche sociali ancora attuali oggi.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

Notizie correlate
Related

La rivoluzione della House Music: un genere senza tempo e una cultura inclusiva

La House Music è stata una rivoluzione nel mondo...

Il festival di Cannes 2023: cerimoniale delle giurie e premi equilibrati

Il cerimoniale delle conferenze stampa delle giurie che segnano...

Concerti di Bruce Springsteen a San Siro rinviati per problemi vocali: attesa per nuove date.

I concerti di Bruce Springsteen previsti allo Stadio San...

Loretta Goggi lascia Tale e Quale Show per dedicarsi al pronipote

Loretta Goggi ha deciso di lasciare Tale e Quale...