Attentato a Milano, sventato il piano terroristico grazie all’intervento tempestivo delle forze dell’ordine.

Date:

Il sospettato è stato arrestato per traffico di droga nel centro storico della città, coinvolgendo diversi complici nella rete criminale.

Raffaele ‘Lello’ Capriati, discendente di una famiglia legata alla criminalità organizzata di Bari, è stato vittima di un agguato criminale nel quartiere Torre a Mare. Figlio di Sabino e nipote del noto boss Tonino Capriati, Raffaele è stato ucciso con diversi colpi di pistola, perdendo la vita al Policlinico di Bari dove era stato trasportato d’urgenza. Le forze dell’ordine, tra cui la squadra mobile della Questura di Bari sotto il coordinamento della Dda, sono sul posto per indagare sull’accaduto e cercare i responsabili. Capriati era già stato coinvolto in passato in reati legati alla criminalità locale, avendo trascorso 17 anni in carcere per il suo coinvolgimento nell’omicidio accidentale del giovane Michele Fazio avvenuto a Bari vecchia nel 2001. La morte violenta di Raffaele ‘Lello’ Capriati getta luce su un mondo oscuro e pericoloso che continua a segnare la città di Bari con episodi tragici legati alla criminalità organizzata.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

Notizie correlate
Related

Patto di patteggiamento respinto per il responsabile della funivia del Mottarone

Durante l'udienza preliminare tenutasi oggi, Gabriele Tadini, il responsabile...

“Processo a Zorzi per la strage della Loggia: lentezza ma determinazione”

Il procedimento giudiziario è finalmente avviato, seppur con un...

“La lotta contro la criminalità organizzata: sfida in evoluzione”

La lotta contro la criminalità organizzata è una sfida...