La Marmotta del Lyskamm: un tesoro antico esposto al Museo di Scienze naturali

Date:

12 giugno 2024 – 18:08

A distanza di meno di due anni dalla sua scoperta, la Marmotta del Lyskamm ha finalmente trovato una dimora definitiva. A partire dal 14 giugno, questa straordinaria mummia, considerata la più antica mai rinvenuta in Italia, sarà esposta al pubblico presso il prestigioso Museo regionale di Scienze naturali situato nel suggestivo Castello di Saint-Pierre.Torniamo indietro nel tempo all’agosto del 2022, quando il coraggioso guida alpina Corrado Gaspard si trovava su un’escursione lungo la parete orientale del Lyskamm, sul ghiacciaio del maestoso Monte Rosa. Fu proprio durante questa avventura che fece una scoperta straordinaria: la mummia di una marmotta che si rivelò essere uno dei reperti archeologici più significativi mai ritrovati nella Valle d’Aosta.La dotto biologa e ricercatrice Velca Botti del Museo regionale di Scienze naturali della Valle d’Aosta sottolinea l’eccezionalità e il valore inestimabile di questo ritrovamento. Il reperto della marmotta non solo è straordinario per la sua antichità, ma rappresenta anche un tesoro scientifico senza pari. Di fronte a tale meraviglia, la Regione Valle d’Aosta ha prontamente istituito un gruppo speciale di lavoro denominato ‘The Marmot Mummy Project’, con l’obiettivo di rispondere alle domande che sorgono e sorgeranno riguardo alla mummia naturale più antica d’Italia.Grazie a questo progetto dedicato alla Marmotta del Lyskamm, gli studiosi potranno approfondire ulteriormente le conoscenze sulla vita e l’ambiente in cui viveva questo animale millenni fa. La possibilità per il pubblico di ammirare da vicino questa straordinaria testimonianza dell’antichità è un’opportunità unica per immergersi nella storia naturale della regione e apprezzarne tutta la bellezza e la ricchezza.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

Notizie correlate
Related