Riaperti i centri raccolta rifiuti, ma è richiesta l’autocertificazione

Date:

Il Presidente della Regione Renzo Testolin ha firmato nella serata di venerdì 24 aprile l’ordinanza numero 181 con la quale vengono stabilite le modalità del conferimento dei rifiuti nei centri di raccolta sul territorio regionale.

Il provvedimento stabilisce che il conferimento da parte di rifiuti vegetali derivanti dalle attività agricole per autoconsumo e dall’attività di cura e manutenzione di parchi, giardini e aree verdi, nonché di rifiuti urbani ingombranti nei centri di raccolta autorizzati territorialmente competenti, anche se situati in Comune diverso da quello di residenza o di domicilio è consentito alle seguenti condizioni:

– il soggetto conferitore di vegetali derivanti dall’attività di coltivazione per autoconsumo di orti, campi, prati, vigne e frutteti e di conduzione di piccoli allevamenti deve attestare, attraverso autodichiarazione, il possesso o l’uso della superficie agricola e il suo utilizzo, con indicazione del centro di raccolta territorialmente competente e del percorso più breve tra la zona della coltivazione e il centro di raccolta;

-il soggetto conferitore di rifiuti vegetali derivanti dall’attività di cura e manutenzione di parchi, giardini e aree verdi deve certificare, con autodichiarazione, la finalità dello spostamento, indicando l’ubicazione del luogo di provenienza dei rifiuti, il centro di raccolta territorialmente competente e il percorso più breve per raggiungerlo;

-il soggetto conferitore di rifiuti urbani ingombranti è tenuto ad attestare, con autodichiarazione, la finalità dello spostamento, con indicazione del centro di raccolta territorialmente competente e del percorso più breve per il raggiungimento del medesimo;

-il conferimento è consentito a ciascun soggetto una volta alla settimana

In particolare l’ordinanza stabilisce inoltre che durante l’accesso, la permanenza e la circolazione nei centri di raccolta autorizzati è vietato ogni assembramento di persone, così come all’interno dei centri di raccolta è obbligatorio, da parte di addetti e conferitori, l’uso di guanti e mascherine o mezzi protettivi idonei che garantiscano la copertura di naso e bocca, fermo restando l’obbligo di osservanza della distanza interpersonale di almeno un metro.

E’ inoltre stato determinato dal provvedimento che i gestori dei centri di raccolta adottino, dandone debita informazione al pubblico, specifiche regole, anche in relazione alla particolare conformazione delle aree, in ordine a modalità e orari di accesso e di conferimento, al fine di evitare ogni assembramento di persone, privilegiando forme di conferimento su appuntamento.

Viene altresì stabilito che i gestori dei centri devono privilegiare il servizio di raccolta a chiamata dei rifiuti urbani ingombranti.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

Notizie correlate
Related

Emergenza idrica a Capri: residenti isolati, turisti costretti a rimandare la vacanza

Dall'alba di oggi, l'accesso all'incantevole isola di Capri è...

“Omicidio di Giulia Cecchettin: la confessione agghiacciante di Filippo Turetta”

Durante l'interrogatorio con il pm, Filippo Turetta ha confessato...

Tragedia a Qalqilya: cittadino israeliano ucciso in attacco armato, indagini in corso

Un tragico evento ha scosso la tranquilla città di...